Info
MANNARINO

 

  • MANNARINO
  • MANNARINO
  • Il 2017 è l’anno magico di Alessandro Mannarino, premiato per la prima volta con il numero 1 nella classifica di vendite con il suo album “Apriti Cielo”, che ha chiuso in questo modo il percorso di salita verso una meritata vetta iniziato nel 2009 con il celebre (ma poco venduto) “Al bar della Rabbia”. Questo è il giusto premio per un artista rigoroso ed esigente verso la propria arte, in contrasto con un’idea diffusa di Mannarino un po’ naif. Lo stesso tocca ai valdostani L’Orage, vere stelle del rock folk nazionale che nascondono dietro un’immagine festosa una solidità teorica e musicale estrema.

    Mannarino inizia la sua attività artistica nel 2001 esibendosi presso il rione Monti con originali spettacoli, a metà strada tra l’attività DJ-istica ed il concerto acustico. Nel 2006 fonda la Kampina una band formata da sei elementi, con cui si esibisce nei principali locali della capitale. Viene invitato in numerose trasmissioni radiofoniche e come ospite di alcune rassegne tra cui Repubblica Roma Rock all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Il 20 marzo 2009 esce il suo primo album Bar della rabbia, pubblicato dalla Leave music e distribuito dalla Universal Music. Con questo primo progetto discografico vince il prestigioso Premio Giorgio Gaber a Viareggio e il suo disco è finalista della Targa Tenco 2009 nella categoria “Album emergenti – Opera prima”. Il 15 marzo 2011 esce il suo secondo album, “Supersantos”. I primi due album vengono raccolti in un cofanetto intitolato “Capitolo Uno”, uscito a dicembre 2011. Il terzo album di inediti di Mannarino è Al monte”, prodotto sempre dall’etichetta indipendente Leave Music e distribuito dalla Universal Music, che esce ufficialmente il 13 maggio 2014, anticipato dal singolo “Gli animali”, diffuso in radio e nei negozi digitali l’11 aprile. Dopo la prima settimana l’album conquista il 3º posto della classifica FIMI dei dischi più venduti. “Apriti cielo” (Universal) è il titolo del quarto album di Mannarino, uscito il 13 gennaio. Un disco intenso e controcorrente nella sua genuina verità.