Info
PRESENT CONTINUOUS
PRESENT CONTINUOUS
LUN 4 SET
AUDITORIUM MELOTTI
20.30
Ingrandisci
  • Salvo Lombardo
  • PRESENT CONTINUOUS
  • SALVO LOMBARDO
    CHIASMA - ITALIA
     
    PRESENT CONTINUOUS
    Catanese, classe 1986, attivo però a Roma, Salvo Lombardo torna al Festival con due diversi progetti: lo spettacolo Present continous e l’installazione per il Mart Reappearances. 
    Chi nella scorsa edizione di Oriente Occidente aveva assistito al suo spettacolo Casual Bystanders si ricorderà che l’artista siciliano ama indagare il rapporto percezione e movimento. Quel lavoro - di movimento e suggestive videoproiezioni - era frutto di due anni di ricerca intorno ai gesti quotidiani, allo studio di situazioni urbane registrate dapprima come appunti di lavoro e poi sviluppate in sequenze coreografiche. Da lì parte anche il nuovo progetto Present continuous: dalla relazione stretta tra quotidiano, memoria, percezione e movimento e dall’osservazione del presente attraverso il fattore che ne determina l’essenza: il tempo. Inteso non in senso astratto, come categoria kantiana, bensì come uso. Gli eventi che accadono possono essere ‘allontanati’ dal soggetto che li ha percepiti? “Nella nostra società - spiega Salvo Lombardo – tendiamo a fissare tutto. Immortaliamo dei surrogati di realtà, inchiodiamo gli eventi a un eterno presente, ignari del passato e del futuro. Per questa nuova narrazione coreografica sono partito dalla negoziazione del ricordo per arrivare a intrecciare, con l’ausilio del vissuto dei tre performer, il dato reale, il presente, allo scopo di individuare una memoria condivisa che apra al tempo a venire”. Dal punto di vista compositivo l’autore ha posto diverse domande ai suoi interpreti (Lombardo in questa produzione non è in scena). Ha chiesto loro di rielaborare con il proprio vissuto, con il proprio punto di vista biografico, sequenze coreografiche predeterminate e piuttosto semplici. La gestualità che ne deriva è minimale, per nulla enfatica, si costruisce per accumulo, ripetizione di piccoli gesti, veri e propri ‘documenti’ del nostro quotidiano. Il ripetere non è forse un modo per negoziare il ricordo proiettandolo nel futuro?

    ARTISTA ASSOCIATO
    prima assoluta
    produzione del Festival

    Ideazione, coreografia e regia Salvo Lombardo
    Elaborazioni sonore Fabrizio Alviti
    Danzatori Cesare Benedetti, Lucia Cammalleri, Daria Greco
    Produzione Festival Oriente Occidente
    Coproduzione Chiasma, Versiliadanza

    Con il sostegno di DiD Studio - Ariella Vidach AiEP, Anghiari Dance Hub, Teatri di Vita
    si ringrazia per la collaborazione Studio Azzurro - Area Ricerca Progressiva

    Durata 40’