ICARO

di Salvatore Arena

con Luca Fiorino

scene e costumi di Giulia Drogo

luci Antonio Rinaldi

musiche di Giovanni Puliafito

regia di Filippo Gessi

assistente alla regia Gabriele Furnari Falanga

produzione Compagnia Scena Nuda

“Icaro”è un invito all’ascolto di tutti gli ultimi che ci circondano. Di quelli chevivono ai margini della città, alla periferia dell’indifferenza. Il mito diIcaro qui viene stravolto, deviato verso un dramma che affiora piano piano edel mito restano soltanto le piume. Ecco comparire Icaro-Vanni. Un qualunqueuomo, di un qualunque sobborgo di Calcutta, Milano, o New York. Lacerato dallaperdita, dall’abbandono, cerca una salvezza dentro se stesso, ali comeun’ancora per volare sopra l’abisso del suo dolore, almeno una volta. Vanni eraun uomo che aveva lavoro e pane. Una moglie. Aveva un figlio. Adesso vive nellapiazza di un paesino. Vive in un suo labirinto. Il labirinto della sua mente.Il labirinto del suo corpo che non sa dove si trova e dove andare ed è portatocontinuamente dalle infinite vie senza uscita. Solo guardando in alto puòvedere il cielo e sperare di trovarne una. Non ha il tempo per pensare, perriflettere, per ricordare... Chi vorrebbe ricordare il dolore? Non c'è volontànel voler ricordare eppure il suo è un viaggio involontario in quelladirezione. Un' autoterapia dopo uno shock post-traumatico che lo porterà aricordare quello che era un tempo. Il ricordo si fa consapevole, il labirintosi apre, il cielo lo aspetta... Perché vuole volare, vuole essere altro, essereIcaro e come Icaro cadere giù in picchiata nel suo ultimo volo.

 

Se possiedi un codice promozionale, inseriscilo qui sotto:

Quando e Dove

Pacta Salone
Disponibilità Biglietti: ALTA
giovedì, 25. ottobre
20:45
Pacta Salone
Disponibilità Biglietti: ALTA
venerdì, 26. ottobre
20:45
Pacta Salone
Disponibilità Biglietti: ALTA
sabato, 27. ottobre
20:45
Pacta Salone
Disponibilità Biglietti: ALTA
domenica, 28. ottobre
17:30

Info

  • SALVATORE ARENA
  • SCENA NUDA
  • ICARO