La Pelanda

Francesca Foscarini Vocazione all’asimmetria

Incontrarsi. Ritrovarsi impreparati e indifesi davanti a un’alterità, un estraneo con il quale si è costretti a interagire utilizzando tutte le proprie capacità. Con precisione chirurgica, Foscarini costruisce il suo spettacolo come una preparazione all’incontro, una predisposizione al dialogo, una vocazione alla costruzione di comunità.
Dice Emmanuel Lèvinas che nel semplice incontro di un uomo con l’altro si gioca l’essenziale, l’assoluto: nella manifestazione, nell’epifania del volto dell’altro scopro che il mondo è mio nella misura in cui posso condividerlo con l’altro. Da questa tensione, da quest’impossibilità di sottrarsi all’altro, che il filosofo lituano chiama ‘asimmetria’, prende origine e si sviluppa il nuovo lavoro di Francesca Foscarini -selezione Aerowaves per Twenty17- Vocazione all’asimmetria, un lavoro in forma di duo che si rivela cautamente, in un alternarsi di assoli e momenti insieme, di tempi per mostrarsi e di tempi per incontrarsi, di scoperta di quello che divide e di ricerca di quello che unisce e forma un noi possibile. I due danzatori, nel desiderio di essere con l’altro ma anche nella resistenza ad annullarsi, nell’alternarsi di esserci e non esserci, di essere per sé e essere per gli altri, accompagnano lo spettatore in una visione attiva e partecipata di una continua trasformazione di identità e di ruoli che si manifesta in quel tempo dell’accadere che è il presente, e attraverso lo sguardo, la voce, il farsi e il disfarsi della danza, svela, nasconde, rivela quell’alterità che sempre si cerca, che sempre ci sfugge.
Se possiedi un codice promozionale, inseriscilo qui sotto:

Dove e Quando

La Pelanda
Assegnazione abbonamenti abilitataDisponibilità: Buona
sabato, 4. novembre
19:00

Info

  • Francesca Foscarini
  • Vocazione all’asimmetria