Teatro Argentina

Troubleyn/Jan Fabre BELGIAN RULES/BELGIUM RULES

Jan Fabre torna con una nuova visionaria creazione: BELGIAN RULES/BELGIUM RULES. Ad essere glorificato dai suoi “guerrieri della bellezza” (definizione di Fabre per indicare suoi performer) è il Belgio, propria terra natia. Una dedica attraverso tutti gli elementi che hanno reso celebre l’estetica dell’artista.
Dopo le monumentali 24 ore di Mount Olympus – To glorify the cult of tragedy (presentato in esclusiva dal 30° Romaeuropa Festival e premio Ubu 2016 come migliore produzione straniera), Jan Fabre torna con una nuova visionaria creazione: BELGIAN RULES/BELGIUM RULES. A essere glorificato dai suoi ‘guerrieri della bellezza’ (definizione che Fabre ha dato ai suoi performer) è questa volta il Belgio, propria terra natia. Una dedica, come quella che Fellini fece alla sua Roma, attraverso tutti gli elementi che hanno fondato e reso celebre l’estetica dell’artista. Il teatro giaceva alla nascita di questo piccolo paese e il teatro è ciò che questo piccolo paese rimarrà. Il Belgio è un paese che sta scoppiando tra burocrazia e formalità forzata. Uno Stato artificiale e instabile, utilizzato come palcoscenico per guerre altrui, afferma lo stesso Fabre. Con la collaborazione del cantautore Raymond van het Groenewoud e più di 10 performer in scena, BELGIAN RULES/BELGIUM RULES scompagina l’immaginario e la cultura di un intero paese, terra di sangue e di guerre, terra di Rubens, di Bosch, di Bruegel e di Magritte, ma anche di birre e patatine fritte. Un autoritratto teatrale ironico e tagliente, riflesso nell’immagine dell’Europa tutta.

Dove e Quando

Teatro Argentina
Disponibilità: Buona
sabato, 30. settembre
19:00
Teatro Argentina
Disponibilità: Buona
domenica, 1. ottobre
16:00

Info

  • Troubleyn/Jan Fabre
  • Troubleyn/Jan Fabre
  • BELGIAN RULES/BELGIUM RULES