Info
GHIACCIO



Teatro Out Off in collaborazione con Aia Taumastica
GHIACCIO - La leggendaria spedizione di Shackleton al Polo Sud
progetto testo e regia di Massimiliano Cividati
con Massimiliano Cividati e con Gennaro Scarparo alle percussioni e Andrea Zani al pianoforte
assistente alla regia: Raffaella Bonivento



Ingrandisci
  • Massimiliano Cividati
  • Teatro Out Off
  • 5
  • GHIACCIO
  • Sir Ernest Shackleton e il suo equipaggio rimasero 22 mesi prigionieri dei ghiacci nell’ultima esplorazione dell’età eroica. Una folle esplorazione in un continente dove la natura è sempre pronta ad annientare i suoi ospiti. Festeggiamo qui la 300esima replica del nostro viaggio nel coraggio e nella capacità di resistere.

    La conquista del Polo Sud.

    Un viaggio in un seminferno bianco circondato da un gigantesco interminabile puzzle di ghiaccio e abitato da una natura impossibile e dai demoni della depressione.

    Scott, Amudsen e Shackleton sono stati gli ultimi pionieri di una sfida alla natura prima dell’era tecnologica, quando ancora il coraggio e la resistenza erano le uniche variabili su cui si poteva giocare la resistenza ancora prima della vittoria. Sir Ernest Shackleton e i 27 membri del suo equipaggio nei 22 mesi trascorsi prigionieri dei ghiacci ci hanno fatto giungere attraverso i propri diari le foto e le riprese un’avvincente testimonianza dell’ultima esplorazione dell’età eroica.

    Sebbene lontani dalla meta prefissata, l’attraversamento a piedi del continente Antartico, furono accolti in patria come vincitori, resuscitati da una tomba bianca come dal fallimento.

    Come ripercorrere le orme di una folle esplorazione in un continente lontano e dal paesaggio lunare, onirico, come ricreare la forza di una natura indomabile sempre pronta ad annientare i suoi ospiti, come raccontare gli stenti i conflitti, il viaggio?

    E così attraverso le gesta di questi antieroi in un programmatico oscillare tra comicità e cotè cupi, partiremo da situazioni verosimili per sviluppare conseguenze improbabili, o da ambienti paradossali per descriverli come concreti ……….. e come Shackleton e i suoi, fallire l’apparente obbiettivo principale per produrre effetti collaterali tanto più preziosi quanto imprevisti.

     Aia Taumastica augura ai suoi naviganti un buon viaggio e un felice ritorno.

    Carrello Personale

    Modifica